bambini - Blog - DOTT.ENRICO FONTICELLI BIOLOGO NUTRIZIONISTA CELL. 3887304549 PIANI ALIMENTARI PERSONALIZZATI ANCHE A DOMICILIO!

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cibi in spiaggia: dopo quanto tempo si può fare il bagno?

Pubblicato da in cibi in spiaggia ·
Tags: spiaggiacibosapereconsaporeeEnricoFonticellidigestionecongestioneapparatodigerenteestatealimentibambini
Cibi in spiaggia: dopo quanto tempo si può fare il bagno?

sapereconsapore

Dopo pranzo in spiaggia, la domanda fatidica che ciascuno di noi si pone sempre è “dopo quante ore si può fare il bagno?”. La risposta ufficiale di un tempo era sempre “almeno 3 ore!”. E, i bambini lo sanno bene, aspettare tutto quel tempo sotto l’ombrellone a volte sembra un’impresa impossibile. Così molti ricorrono alla tecnica del tuffo immediato, subito dopo mangiato. Davvero non è pericoloso? Per sapere una volta per tutte cosa è giusto e cosa no e non correre rischi inutili, diamo uno sguardo al nostro apparato digerente.

Quando comincia la digestione?

Appena ingeriamo il primo boccone e iniziamo a masticare, in quel preciso istante parte la digestione. Quindi rispondendo a questa semplice domanda ci troviamo a sfatare un mito: tuffarsi in acqua subito dopo pranzo è una pessima idea. In pratica la masticazione è il primo passaggio della digestione. Questa semplice azione, fa si che lo stomaco si prepari ad accogliere il cibo, così inizia sin dal primo boccone a produrre succhi gastrici. E, soprattutto, da questo momento parte il reclutamento del sangue indispensabile all’apparato digerente.
Proprio questo dirottamento del sangue è la vera chiave del problema. Durante la digestione, migrano verso lo stomaco circa 2 litri di sangue, con compito di agevolare le funzioni di assorbimento del cibo. Questa deviazione è importante e potrebbe provocare seri problemi in caso si svolgano attività faticose.
Se infatti facciamo sforzi fisici intensi, anche i muscoli avranno bisogno di più sangue. Per questo è sconsigliato praticare uno sport dopo aver mangiato. Nel caso del nuoto poi ci sono anche altre controindicazioni. La temperatura dell’acqua, infatti, è notoriamente più bassa di quella corporea , in quanto entrando in mare o in piscina si subisce una variazione termica di una decina di gradi circa, rischiando una congestione.

Come funziona la congestione?

Qualsiasi sbalzo termico provoca una caduta rapida della pressione periferica. In pratica, se il corpo è sottoposto al freddo, il sangue tende a spostarsi repentinamente dallo stomaco al resto del corpo, lasciando sprovvisto l’apparato digerente e bloccandone il lavoro. Tutto il corpo ne risente, arrivando a sintomi che vanno dalla nausea fino allo svenimento.
Se la persona che ha il malore sta passeggiando sulla terraferma, il problema si risolve rapidamente. Anche chi si trova in riva al mare e non si sente bene, può essere facilmente soccorso. Ma se l’interessato è al largo o in piscina, dove non si tocca, si rischiano contemporaneamente shock e annegamento.

Occorre dunque prestare attenzione a tutti i segnali che il corpo manda: nausea, eruttazione e vomito sono senz’altro da ritenere significativi e da prendere subito in considerazione.
La congestione non si verifica solo facendo il bagno: anche bere una bibita ghiacciata o ingerire cibi molto freddi a fine pasto, può provocare un forte stress allo stomaco.

Quanto tempo bisogna aspettare prima di fare il bagno?

La quantità di ore che occorrono prima di fare il bagno dipende da quanto e cosa si è mangiato. Per esempio se abbiamo fatto una normale colazione con latte, caffè, pane burro e marmellata, bisognerà aspettare un paio di ore. Se vogliamo accorciare i tempi, è sufficiente mangiare un po’ di frutta: dopo un’ora si potrà già fare il bagno.
Circa la leggerezza e la digeribilità dei cibi, c'è qualche mito da sfatare. In apparenza, per esempio, un semplice panino con prosciutto e formaggio potrebbe ritenersi innocuo. No, niente di più sbagliato: ogni volta che ingeriamo proteine animali, come quelle contenute in roast beef, prosciutto e salumi in genere, ma anche nei formaggi, il tempo di digestione da calcolare è subito di 2-3 ore.
E i tempi si possono ancora allungare: se per esempio facciamo un pranzo normale, magari neanche troppo abbondante, ma con tutte le portate, dall’antipasto al dolce occorreranno almeno 4 ore. E se le porzioni aumentano, bisognerà aspettare anche di più.

Cosa mangiare in spiaggia?

La prima indicazione è di fare attenzione anche alle bevande. Se si mangia senza bere, la digestione è più veloce. Quindi il consiglio è di bere sempre lontano dai pasti: acqua e bibite diluiscono i succhi gastrici.
Il pranzo ideale è un piccolo piatto di pasta condito con il pomodoro fresco crudo, un filetto di pesce e un pezzetto di focaccia: per digerire un pranzo simile bastano 2 ore e mezza.
Ci sono anche cibi leggeri per i quali occorrono da 20 minuti a meno di 2 ore e sono: caffè, cocomero, latte scremato, frutta, frullati di frutta e verdura, gelati alla frutta.
Gli alimenti da evitare in spiaggia invece sono: carne alla griglia, salumi, acciughe salate, piselli, lenticchie e fritture. Sono tutti pesantissimi, anche se consumati singolarmante e la loro digestione può richiedere persino 5 ore.

Chi rischia di più?

Per chi fa attività sportive specifiche, anche a solo livello amatoriale, occorre prestare  più attenzione: oltre allo shock per la temperatura, si unisce quello dovuto allo sforzo muscolare.
Poi c'è chi rischia più degli altri: in particolare, chi pratica attività subacquee dovrebbe immergersi a stomaco vuoto. Tutti i sub conoscono le regole che vanno rispettate con grande rigore: si fa una colazione leggera e ci si immerge solo quando la digestione è completata, perché i rigurgiti durante le immersioni sono pericolosissimi. Mettono a rischio la vita.
In genere, quindi, lo ripetiamo, per essere certi che non ci siano pericoli occorre aspettare circa 2-3 ore e, quando finalmente si va in acqua, meglio ancora seguire alcune precauzioni: è bene procedere gradualmente, mettere prima le gambe in acqua, bagnarsi piano piano la pancia e le ascelle e poi tuffarsi.
Soprattutto se si è stati al sole la temperatura corporea sarà molto alta e l’immersione lenta riduce lo stress dell’escursione termica. Dopo pranzo si può sempre passeggiare a riva o fare una doccia per rinfrescarsi: il problema è solo connesso all’immersione di tutto il corpo.
Per quanto riguarda nello specifico i bambini, le regole che valgono per noi sono identiche anche per loro. Con un paio di aggravanti: per i bambini anche la riva può nascondere qualche insidia. Se un bambino non si sente bene e cade dove l’acqua per noi arriva al ginocchio, c’è il rischio di annegamento. I tempi di annegamento per i piccoli oltretutto sono più rapidi rispetto all’adulto. Senza angosciarsi, occorre tuttavia essere prudenti, calcolare bene i tempi prima di permettere il tuffo e osservare con attenzione le prime reazioni del bambino. Se una volta in acqua ha mal di pancia o fa qualche rutto, è il caso di farlo uscire e riprovare più tardi.

E se una persona non si sente bene, cosa possiamo fare?

Occorre portarla immediatamente lontana dall’acqua, farla sdraiare all’ombra, alzare le gambe, coprire la pancia e tenerla al caldo. Se i sintomi continuano è meglio chiamare immediatamente il 118.

Dott.Enrico Fonticelli
Biologo Nutrizionista
cell. 3887304549
mail. sapereconsapore@gmail.com

ricevo per appuntamento in:
-Via Fortunata del Forno 19Giugliano(Na)
-Via degli innamorati 143 Giugliano(Na)
-Viale Augusto 101/109 Fuorigrotta(Na)
-Via Domenico Padula 127/d Pianura(Na)

Le visite o i controlli successivi possono essere effettuati anche a domicilio!



Cereali per la colazione: diamo uno sguardo a cosa c'e' veramente dentro...

Pubblicato da in cereali ·
Tags: cerealivitaminezuccherocolazionebambiniaromifortificantioliidrogenatibenesseresalutesapereconsaporeEnricoFonticelliBHAlecitinadisoiaestrusionecoloranti
CEREALI PER LA COLAZIONE: DIAMO UNO SGUARDO A COSA C'E' VERAMENTE DENTRO...

sapereconsapore

Cereali per la colazione. Prodotti buoni, golosi e dalle confezioni accattivanti soprattutto per i bambini. Ma si tratta di una soluzione davvero sana come le pubblicità vogliono far credere? Cosa c’è veramente nella colazione dei più piccoli?
Vi sarà sicuramente capitato al supermercato di trovarvi nel reparto dei cereali per la colazione. Lunghi scaffali che racchiudono una grande varietà di prodotti di diversi formati, colori e gusti in grado di accontentare un po’ tutti e da unire a latte o yogurt per una colazione buona e veloce da preparare.
La parola cereale spesso viene associata a qualcosa di estremamente sano e utile al nostro organismo. Il problema però è che del cereale originario questi prodotti non hanno praticamente più nulla. Ma allora cosa c’è realmente dentro queste coloratissime confezioni? Vediamo di tenere d’occhio l'etichetta:

ZUCCHERI

La gran parte dei cereali per la colazione hanno un alto contenuto di zucchero utilizzato per renderli più appetibili ai bambini. A volte si tratta di sciroppo di mais o fruttosio ma il risultato non cambia. Tra l’altro spesso non è chiara l’origine di questi dolcificanti e se, ad esempio nel caso del mais, siano realizzati con prodotti OGM.

OLI IDROGENATI

Alcuni prodotti per la colazione contengono oli vegetali come quello di palma, non certo benefici per la salute. In alcuni casi si tratta di oli idrogenati ricchi di grassi saturi che diverse ricerche scientifiche hanno collegato alla comparsa di malattie cardiache, problemi immunitari e tumori. Nelle etichette si parla genericamente di “oli idrogenati” e non si può essere sicuri se ci siano o meno grassi trans nel prodotto. Tra l'altro se questi sono inferiori a 0,5 grammi per porzione, le aziende sono autorizzate a scrivere "0 grammi di grassi trans ".

BHA

Il BHA (butilidrossianisolo) è un additivo alimentare utilizzato anche in alcuni cereali per la colazione. Degli studi hanno collegato questo additivo al cancro e per questo il National Institutes ed il National Toxicology Program degli Stati Uniti sono arrivati a dichiarare che: "è ragionevole ritenere che il BHA sia cancerogeno per l'uomo".

LECITINA DI SOIA

Il problema della lecitina di soia è che potrebbe essere di origine transgenica e secondo il Cornucopia Institute (che effettua ricerche ed indagini su prodotti agricoli ed alimentari) potrebbe contenere tossine. La lavorazione della lecitina di soia spesso implica l'uso di esano, sostanza che è stata registrata dall’organizzazione mondiale della sanità come potenziale cancerogeno e neurotossico. E' possibile che tracce o residui di esano rimangano all’interno del prodotto.

ESTRUSIONE

La maggior parte dei cereali da colazione utilizzano un processo chiamato "estrusione" esponendo i grani ad alti livelli di calore e pressione, cambiando quindi la loro natura chimica, rendendoli alimenti trasformati e distruggendo la maggior parte delle sostanze nutritive in essi contenuti. Per questo motivo, molti cereali sono fortificati con vitamine e minerali.

FORTIFICAZIONI

Alcuni produttori di cereali cercano di nascondere l’elevato contenuto di zucchero attraverso la fortificazione, ovvero l’aggiunta di vitamine e minerali di sintesi. In alcuni casi questi prodotti possono addirittura risultare tossici in quanto troppo arricchiti. Una normale porzione di cereali per la colazione potrebbe infatti arrivare a contenere zinco, niacina e vitamina A in dosi molto superiori alla RDA (dose giornaliera raccomandata) per un bambino.

COLORANTI

Molti cereali per la prima colazione contengono coloranti artificiali riportati in etichetta con un codice incomprensibile ai più. Uno studio del 2014 condotto dalla Purdue University suggerisce che i bambini probabilmente stanno consumando molti più coloranti alimentari di ciò che si pensa. Bisogna unire infatti quelli contenuti nei cereali a quelli che si consumano attraverso altri alimenti e bevande poco sane.

AROMI

Dietro la dicitura aromi si nasconde una grande quantità di sostanze più o meno naturali. Alcuni aromi possono anche contenere ftalati ma le aziende non sono tenute a segnalarlo in etichetta. Anche in questo caso si possono trovare dei codici o una generica scritta “aromi naturali”, ovvero non è ben dato sapere cosa diamo da mangiare ai nostri bambini. Questo infatti potrebbe voler dire che è presente una sostanza naturalmente aromatica o invece una miscela composta da decine di altre sostanze.

Conclusione? Come sempre vi consiglio di scegliere per i vostri figli colazioni decisamente più sane anche se magari meno rapide da preparare. Potete ad esempio unire a dei fiocchi di cereali integrali biologici e non zuccherati, del latte vegetale, dello yogurt (anche di soia), frutta fresca o secca, semi, ecc.




fonte :www.greenme.it



Inquinamento atmosferico : maggiore sensibilizzazione allergica nei bambini durante i primi 8 anni di vita

Pubblicato da in inquinamento e bambini ·
Tags: allergiainquinamentosensibitàsapereconsaporebambiniinfanziaallergeniossidodiazotosalute
Inquinamento atmosferico : maggiore sensibilizzazione allergica nei bambini durante i primi 8 anni di vita

sapereconsapore


Il ruolo della esposizione all'inquinamento atmosferico nello sviluppo della sensibilizzazione allergica non è chiaro. Si è cercato di valutare lo sviluppo di sensibilizzazione fino all'età scolare correlato alla esposizione longitudinale all'inquinamento atmosferico da traffico stradale.

Più di 2.500 bambini nella coorte di nascita BAMSE ( Children, Allergy, Milieu, Stockholm, Epidemiological Survey ) di Stoccolma, in Svezia, sono stati seguiti con questionari ripetuti e prelievi di sangue fino agli 8 anni di età.

Le concentrazioni esterne di ossidi di azoto, come marcatori delle particelle dei gas di scarico, e le particelle con un diametro aerodinamico inferiore a 10 micron ( PM10 ), prevalentemente in rappresentanza dell'inquinamento stradale, sono state collegate agli indirizzi di residenza, dei centri di cura e della scuola utilizzando modelli di dispersione.

Le esposizioni medie ponderate nel tempo sono state collegate ai livelli di IgE contro comuni allergeni inalanti e alimentari a 4 e 8 anni di età.

L'esposizione ad inquinanti ambientali durante il primo anno di vita era associata a un aumentato rischio di sensibilizzazione al polline a 4 anni di età ( odds ratio, OR=1.83 ) per una differenza di esposizione agli ossidi di azoto nel range dal 5° al 95° percentile.

A 8 anni, non c'è stato un aumento generalizzato del rischio di sensibilizzazione; tuttavia, il rischio di sensibilizzazione alimentare è aumentato, in particolare tra i bambini non-sensibilizzati a 4 anni di età ( OR=2.30 ).

I risultati sono stati simili utilizzando PM10. Nessuna associazione tra l'esposizione all'inquinamento atmosferico dopo il primo anno di vita e la sensibilizzazione è stata notata.

In conclusione, l'inquinamento atmosferico legato al traffico non sembra aumentare il rischio complessivo di sensibilizzazione per comuni allergeni inalatori e alimentari fino all'età scolare, ma una sensibilizzazione ad alcuni allergeni potrebbe essere correlata alla esposizione durante l'infanzia.

Gruzieva O et al, J Allergy Clin Immunol 2012; 129: 240-246




fonte :allergieOnline.net



Obesità infantile : basta !

Pubblicato da in obesità infantile ·
Tags: obesitàalimentisapereconsaporelipidigrassisovrappesobambinidiagnosi
Obesità infantile : basta !


Molto il lavoro da fare, ma ne vale la pena

​​Spesso i genitori sono i primi a non rendersi conto che il loro bambino è sovrappeso.

E l’epidemia dilaga: oramai nel mondo secondo le stime dell’International Obesity TaskForce, i bambini in età scolare obesi o in sovrappeso sono 155 milioni, cioè uno su dieci, ma allo stesso tempo 148 milioni di bimbi sotto i 5 anni sono sottopeso e si trovano prevalentemente nei Paesi in via di sviluppo.

In Italia, un bambino su 3 è obeso. Con quali conseguenze? Questo studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ce lo spiega: più grave è l’obesità nel bambino, più alto il suo rischio cardiovascolare da grande.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 8579 bambini e giovani di età compresa tra i 3 ei 19 anni. Li hanno divisi in classi di obesità secondo i percentili di indice di massa corporea (BMI) definiti come sovrappeso (≥85th a <95° percentile); obesità classe I (≥95th percentile a <120% del 95° percentile); obesità Classe II (≥120% a <140% del 95 °percentile o BMI ≥35 kg  / m2); e obesità classe III (≥140% del 95 ° percentile o BMI≥40 kg / m2).

Quasi il 5% dei bambini rientrava nella obesità di Classe III.

Nella popolazione, il 46,9% dei ragazzi sono in sovrappeso mentre il 36,4% ha avuto obesità di classe I,  l’11,9% obesità di classe II e il 4,8% obesità di classe III.

All'analisi multivariata (controllando per età, etnia o razza, sesso) i bambini con obesità di classe III avevano un rischio aumentato per bassi livelli di HDL, colesterolo alto, ipertensione, alti livelli di trigliceridi, e livelli elevati di HbA1c.

Da segnalare  però che l’obesità grave in questo studio è stata associata ad una maggiore prevalenza di anomalie della pressione arteriosa sistolica, trigliceridi e livelli di HbA1c nei maschi rispetto alle femmine.

Come questi dati si traducono nella clinica pratica? Il messaggio è chiaro: l’obesità va diagnosticata e stratificata. Anche solo il passaggio da obesità di classe III a obesità di classe I può cambiare molto il futuro cardiometabolico dei ragazzi, anche se non si riesce a raggiungere il peso forma, la perdita ponderale sarà comunque premiante.


Autori: Skinner A, Perrin E, Moss LA, Skelton JA.
Fonte: N Engl J Med. 2015; 373: 1307-1317



La somministrazione di probiotici riduce il rischio di diabete di tipo 1

Pubblicato da in probiotici ·
Tags: probioticidiabeteanticorpibambiniimmunità
La somministrazione di probiotici riduce il rischio di diabete di tipo 1



Il diabete mellito di tipo 1 (Dm1), noto  anche come "diabete giovanile" essendo caratteristico del periodo dell'infanzia, è considerato una malattia autoimmune, in quanto causato dalla produzione di anticorpi che distruggono le cellule beta pancreatiche, deputate alla produzione di insulina. A livello genetico sono presenti dei marcatori, come gli alleli Hla Dre DQ, che possono indicare un aumento del rischio di sviluppare Dm1, quando presenti in maniera identica a quelli di un membro della famiglia affetto da tale patologia. Un recente studio, denominato Teddy, ha esaminato l'associazione esistente tra il consumo di probiotici durante il primo anno di vita e il rischio di sviluppare immunità verso le cellule beta. Si tratta di uno studio prospettico di coorte che ha preso in esame per più di 10 anni circa 7400 bambini a elevato rischio di sviluppare Dm1, provenienti da 6 centri clinici (3 negli Stati Uniti e 3 in Europa). I soggetti hanno assunto probiotici, principalmente Lactobacillus e Bifidobacterium, in alimenti fortificati per lattanti o come supplementi, prima del primo mese di età, tra 1 e 3 mesi o tra 3 e 12 mesi. Ogni 3 mesi sono stati prelevati campioni di sangue per valutare la presenza di anticorpi contro le cellule beta. I risultati hanno dimostrato come l'introduzione precoce dei probiotici abbia un effetto positivo soprattutto negli infanti di età inferiore a 3 mesi. Nello specifico, si è riscontrata una maggiore efficacia nei bambini sotto 1 mese (Hr, 0.63, p=0.022) e tra 1 e 3 mesi di età (Hr, 0.73, p= 0.097) rispetto ai bambini che non avevano mai assunto probiotici. Secondo gli autori, l'utilizzo di probiotici migliorerebbe la maturità della barriera intestinale, soprattutto nei primi 3 mesi di vita nei quali l'intestino è ancora vulnerabile, preparandolo al meglio per affrontare gli insulti esterni, e non innescando una risposta autoimmune avversa. D'altro canto, dopo circa 3 mesi di età si ha una naturale maturazione della parete intestinale, che potrebbe spiegare l'assenza di associazione tra l'assunzione di probiotici e l'autoimmunità delle cellule nei bambini di età compresa tra 3 e 12 mesi tra (Hr, 1.14; p=0.4). In conclusione, dai primi dati che emergono dallo studio Teddy si evidenzia un effetto benefico dei probiotici nella prevenzione dell'insorgenza del Dm1, soprattutto se questi vengono somministrati nei primi 3 mesi di vita, anche se questi risultati devono essere confermati in ulteriori studi prima di raccomandarne l'uso per la prevenzione del Dm1.




Per approfondimenti:
JAMA Pediatr. 2016;170(1):20-28. doi:10.1001/jamapediatrics.2015.2757.
JAMA Pediatr. 2016;170(1):11. doi:10.1001/jamapediatrics.2015.3246.



Nuvole
alta corpo dietanolammina acqua cisteina microsfere cheese stitichezza sapereconspore pasti intolleranze rossetti immunità bilancia biomagnificazione sogliola cibo tiroide dentifricio albicocche salute sano attività ceci tumore rimedi BHA fisica insaturi allergie frullati Fonticelli grana lisina grassi capsicum Napoli quinoa agave centrifugato duodeno omega lactobacillus reumatoide sodio tradizioni polinsaturi herpes solfiti tar sintomi deodoranti conservazione probiotici zirconio gassate Dott.Enrico nutrizione ossidativo pesce palma irritabile comfort punture naturali ipertensione oliva gel GIugliano ernia aureus estrogeni ormone foto sapere cacao proprietà patologia polmoni età sdorazione sedano mondo cure mani luteina timo uva stomaco ananas indice usanze colostro ipocaloriche creme elasticità circolazione controlli solare + consigli internazionale antitraspiranti secchezza cioccolato raffermo Vera premestruale colazione fame saturi difesa quaternium seno fermenti amaranto creatinina cotto cibi crescita modificato lattici personale dolci esercizio antidepressivo castagne vitaminaA pane forno tessuti oxybenzone IGF bulgaricus gym concentrazione artrite prugne pancreas bivalvi lipoproteine integratori spigola naturale resveratrolo crudo antiossidante frigo fegato Calcio nutrienti radicchio colorante sistema streptococcus antiossitanti brucia ossidazione amminoacidi Na botulino caffeine fosforo sale glutammato benefici dormire stanchezza dadi antinfiammatorio sangue dieta organi carne aerobico sudorazione merendine cannella asma asparagi raggi 3 domicilio menta verde aromi etichette cipollina frigorifero caldarroste igiene cadenti fragole zucchina formaggio tummori primi #nutrizione semola quercetina torcicollo Giappone Licola zucchero more allergeni stagione nocciole alimentari Enrico frutta bio aspartame endorfine stracchino infanzia in food minerale glucidi radicali cucina correttori cottura microbioma disidratazione influenza reflusso manganese gonfiore tenero visite cavo colore inci lecitina maggio anticorpi lievito psiche dott.Enrico amilosio sensibità alimento additivi potassio prostata digerente idrosolubile iodio biscotti parmiggiano aloe adinopectina biberon succo insonnia ustione utero licopene calorie bevanda pangrattato legumi con complessi scottature nitrati nespole bifidobatteri ossidasi zafferano nutrire laurilsolfato ulcera emulsionanti vitamine hdl metalli antinfiammatoria spiaggia branzino ossido lavaggio umore mattina integrali DHA papille sciroppo microonde salsa erbe balsamo yogurt aborto scaduto cosmetici conservanti educazione aglio peperoncino verdure metabolismo estate caffe peperoni gelificante cancerogeni essenziali depressione facciale ciclo proteine allergia obesità macedonie gestazione essenziale microbi astaxantina sapereconsapore.blogspot.it fresca apoptosi carotenoidi insalata semi anguria carotenoide ricette kiwi noci mandorla autunno benessere colite feste allium 15 arance cake verdura lamponi zanzare Iodio caseina 6 latte crostacei cetriolo casa amido emulsionante metodi India truffe E141 omeostasi pelle tossine combinazioni spuntino riso carote sapereconsapore massa addome avena pressione soia libido spezie corretta patologie surgelare alimentazione oligoelemento melagrana sapone cosmesi istamina A psicologia Vitamina ricotta digestione avocado bevande contraffazione intestino idrico fruttosio anemia sanguigni osteopatia cortisolo ascelle carbidrati fisico congelare alcol ciliegie integratore fico estrusione microminerali paziente clorofilla Qualiano pistacchi LDL prevenzione tintura E mestruo a congestione flatulenza furano monoammino ayurveda ribes celiachia antibiotici cattive rucola vegetariano Mercurio Dott UVA cipolla gluten raffreddore Additivi pomodoro nutrizionale integrale cellulite iatale aceto tumori adolescenti selenio aminoacidi sindrome triclorosan tuorlo gram miele Francia micronutrienti pesanti frutti nervoso magnesio diuresi nitriti propilenico palpebre antispossatezza Pianura articolazioni marroni carboidrati wellness contaminanti acidità #nutrizionista melone glucosio carota stagionatura nutrition caglio rame fumo latticini vasetti gerani buoni frutto free ortaggi omogenizzati oli zucca antiossidanti gas broccoletti junk cervello dolori prurito diabete Lucifero antibiotico minerali addensanti melanoma massaggio glicemico polifenoli artemisia palato sterilizzare curcuma energizzante cutanee sapore pomodori abitudini fitosteroli Staphylococcus centrifugati burro alimentare antidolorifico albume negozio ombretti alimentazzione batteri iperacidità sapereconsapore.blogspot.com pancia biliari glicemia amilopectina reumatismo progesterone pera Fuorigrotta uova conserve tossiche diarrea idratazione extravergine zinco calcoli capelli Aloe liberi raffinati studio metionina propoli conduzione melanina salmonella mangiare coal enzimi Monterusciello limenti fitoterapia antitumorali buccia antitumorale coloranti cicatelli neuroni caldo PET A. fagiolini flavonoidi HDL pollo pepe tempo cellula Cina ferro tocoferolo shampoo pancreatite Caserta colesterolo yang banana vegan bosco odori Giugliano cuore yin acido vongole dimagrire pesche temperatura pasta limone ultravioletti clorogenico piatti padano riposo mate alimenti inquinamento disbiosi D afrodisiaco Posillipo mediterranea insulina gusto malto dietetici immunitaria dolore olio Pozzuoli funghi calore Vomero carcinoma greco fibre Varcaturo prodotti idrochinone danni sali fluoruro acidi malattie betacarotene Villaricca vegetali macchie glicole endometriosi patatine molecole pulizia protezione insalate nutrizionista stabilizzante Thailandia freschezza epiderma stabilizzanti ossa patate peso connettivo idrogenati c Sant'Antimo cancro bocca molluschi zuccheri yo di sole linfodrenaggio primavera lattoferrina catechine addominale microrganismi.Lugdunin alluminio galateo ginnastica fortificanti saraceno parabeni equilibrio veg calcio lattosio allattamento orale C Germania glutamina farina triptofano toluene iperglicemia mirtillo brufoli campylobacter neurologico nutriente frittura ostriche antocianine diet vitamina agrumi massaggi cereali fredda cistite solfato piatto bambini UVB feci intero degradazione azoto vasi donne vera secondi sapereconsaporee policistico energia infezioni antociani ovaio tensioattivi formaldeide fibra bassa perdite epigenetica verza Berrino carie glucagone gruppo duro sapereconapore B freezer respiro folico digiuno stracci olive oligoelementi calda stress 1 glutine inositolo donna termophilus meteorismo chiampagne fichi menopausa serotonina crema risotto bollitura costipazione gravidanza solari sviluppo irraggiamento dolcificanti apparato secca listeria 31 secche umami erba brodo addensante macrobiotica sport anice ipocalorico crusca convezionne bambino immunitario sostanze forma urico mais batterio piante grano diagnosi osteoporosi sovrappeso invecchiamento Quarto lipidi mare primo crostata birra natale liposolubile grasso gonfia visita sanguigno INCI torte biologo uricemia fisia
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu