formaggio - Blog - DOTT.ENRICO FONTICELLI BIOLOGO NUTRIZIONISTA CELL. 3887304549 PIANI ALIMENTARI PERSONALIZZATI ANCHE A DOMICILIO!

Vai ai contenuti

Menu principale:

Maturazione del formaggio - Stagionatura dei formaggi

Pubblicato da in formaggi stagionatura ·
Tags: formaggiostagionaturacibocagliosapereconsaporeEnricoFonticellibenesseresalute
Maturazione del formaggio - Stagionatura dei formaggi

sapereconsapore

Assaggiando la cagliata fresca, non si noterebbero particolari differenze tra un formaggio e l'altro. Durante la maturazione (o stagionatura) avviene la degradazione dei macronutrienti da parte di enzimi del latte e dei batteri naturalmente presenti, o aggiunti volontariamente.
Il risultato di queste trasformazioni sono il sapore e l'odore peculiari di ogni formaggio.
Vediamo le principali trasformazioni che avvengono durante la maturazione.

Riduzione del contenuto di acqua

Una volta conclusa la fase di spurgo, il contenuto idrico diminuisce lentamente per evaporazione e per osmosi. A seconda del tipo di formaggio, la perdita di acqua va dal 25 al 60% della quota iniziale, ed è maggiore per quelli a lunga stagionatura e a pasta dura.
La formazione della crosta è molto importante grazie alla sua azione protettiva dalle contaminazioni esterne e da una eccessiva disidratazione. Spesso la crosta è rivestita di olio di lino, cera, paraffina o plastica.
Sulla crosta di alcuni formaggi come il brie e il camembert vengono fatte sviluppare muffe, in altri come il taleggio queste si sviluppano naturalmente: in entrambi i casi esse contribuiscono a caratterizzare le qualità organolettiche del prodotto.

Trasformazioni dei glucidi

Il lattosio presente nella cagliata viene trasformato dai batteri lattici in acido lattico, alcool etilico e anidride carbonica. Quest'ultima è responsabile dell'occhiatura di alcuni formaggi come l'emmenthaler.
L'acido lattico viene poi trasformato in composti aromatici o viene trasformato in un sale, il lattato, responsabile delle piccole macchie bianche del formaggio grana.

Trasformazione delle proteine

La trasformazione della caseina produce le variazioni più evidenti a carico della pasta, che diventa più o meno morbida e colorata, e del sapore.
L'acido lattico prima e gli enzimi proteolitici poi causano la scissione di parte della caseina in amminoacidi e peptidi, che conferiscono aromi e sapori particolari. Queste scissioni rammoliscono la pasta: dunque sono molto più spinte nei formaggi molli (come la crescenza e il gorgonzola) rispetto a quelli duri.

Trasformazione dei lipidi

I lipidi vengono attaccati dagli enzimi dei microorganismi, che sono debolmente attivi ma producono forti modificazioni delle caratteristiche del formaggio poiché liberano sostanze fortemente aromatiche come gli acidi grassi a catena medio-corta tipici del latte.
I formaggi di pecora e capra hanno un sapore più piccante e aromatico grazie al contenuto maggiore di acidi grassi a catena medio-corta (capronico, caprilico e caprinico): questa differenza si evidenzia solo quando questi acidi grassi vengono scissi dai trigliceridi con la maturazione.
I formaggi molli sono quelli più interessati dalla trasformazione dei lipidi, in particolare dalle muffe aggiunte nei formaggi erborinati (gorgonzola, roquefort, ecc.), che producono l'irrancidimento chetonico e alcuni composti come i metilchetoni, che conferiscono il particolare sapore piccante a questi formaggi.



Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano

Pubblicato da in formaggio ·
Tags: parmiggianogranapadanosalutebenessereciboformaggiosapereconsaporeEnricoFonticellinutrientialimentazione
Le differenze tra Grana Padano e Parmigiano Reggiano

Enrico Fonticelli

Il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano sono formaggi molto simili, la cui tecnologia di produzione è quasi identica.
Le differenze nella stagionatura e nella alimentazione delle vacche denotano una qualità superiore del Parmigiano Reggiano rispetto al Grana Padano.
Il Grana Padano Trentino, a dispetto del nome, è prodotto con le stesse identiche tecniche del Parmigiano Reggiano.

Differenze di lavorazione

Il Parmigiano Reggiano viene prodotto con una sola lavorazione al giorno, il Grana Padano può essere prodotto con due lavorazioni.
Dato che il latte proviene da due mungiture giornaliere (serale e mattutina), il Grana Padano può essere prodotto per legge con il latte di una sola mungitura anche se questo, di norma, non avviene.
Nel Parmigiano Reggiano questo non è consentito: il latte della mungitura serale viene lasciato anche 15 ore nelle vasche raggiungendo l'1.5% di grasso. Questo viene poi mischiato con il latte della mungitura del mattino, che staziona nelle vasche solo 3 ore e ne ha ancora il 3%. Il risultato è un latte parzialmente scremato con il 2.4% circa di grasso.
Il latte in caldaia del Grana Padano è più magro del latte a Parmigiano Reggiano: di conseguenza il Grana è un po' più magro, mediamente, del Parmigiano.

Alimentazione delle vacche

Il Parmigiano Reggiano viene prodotto con latte ottenuto da animali alimentati solamente a base di mangime secco, foraggio verde e fieno di prato.
Per il Grana Padano, invece, è consentito l'uso di insilati. Gli insilati sono ottenuti dalla pianta intera dei cereali che viene trinciata e stoccata in silos. Questa operazione favorisce lo sviluppo di mocroorganismi che peggiorano le caratteristiche del prodotto. Quando era consentito, si usava aldeide formica, dannosa per la salute, ora si usa un antibatterico innocuo per la salute, il lisozima, ma che evita lo sviluppo dei microorganismi dannosi.

Durata della maturazione

Il periodo di stazionamento nelle "scalere" è di 15 mesi per il Grana Padano, e di 18-24 e fino a 36 mesi per il Parmigiano Reggiano. La maturazione più lunga consente al Parmigiano di sviluppare caratteristiche organolettiche superiori.



Cheese cake ai frutti di bosco e cioccolato

Pubblicato da in dolci e dessert ·
Tags: dolcicheesecakefruttidiboscocioccolatoformaggioricottayogurtzuccherouovalimonenocciole
Cheese cake ai frutti di bosco e cioccolato


sapere con sapore




   TEMPO DI PREPARAZIONE: 40 MIN
   TEMPO DI COTTURA: 20 MIN













INGREDIENTI

- 350 g di crema formaggio
- 350 g di ricotta di pecora
- 150g di yogurt compatto naturale
- 2 uova
- 100 g di zucchero semolato di canna grezzo
- 1 cucchiaio di zucchero a velo
- 5g di agar-agar

Per il biscotto di base per la torta:

- 125 g di burro
- 250 g di farina
- 1 uovo
- 100 g di zucchero di canna integrale
- La scorza di un limone grattugiata
- 1 pizzico di sale
- 60g di nocciole tostate tritate

Per la salsa:

- Tre cucchiai pieni di zucchero semolato di canna grezzo
- Il succo di mezzo limone
- 500g di Frutti di bosco, scaglie di cioccolato amaro




PREPARAZIONE

Dividete gli albumi dai tuorli, montate i tuorli a spuma con 50 g dello zucchero, a questo punto aggiungete la crema di formaggio, unite lo yogurt il quale dovrà essere incorporato con delicatezza e uniformemente.

La ricotta andrà emulsionata con un frullino o pimer insieme allo zucchero restante, una volta pronta unite al composto della crema formaggio. Girate per bene il tutto, unendo l’agar-aga (già disciolto e portato a ebollizione in 4 cucchiai di latte caldo) e lo zucchero a velo. A questo punto andranno aggiunte gli albumi montati a neve amalgamate il tutto e mettete in uno stampo unico o singoli monoporzione, coprite la superficie con della carta da forno e conservate per almeno tre/quattro ore in frigo.


Per la base:

In una ciotola unite il burro ammorbidito naturalmente a temperatura ambiente con lo zucchero e l’uovo, amalgamate il tutto. Unite alla farina setacciata, le nocciole tritate, il pizzico di sale e la scorza di limone grattugiata. Con l’aiuto di una forchetta o con le dita rendete a fiocchi l’impasto, unificatelo in unica palla e copritelo con della pellicola, riponetelo in frigo per un’ora circa.

Passata l’ora riprendete l’impasto e ammorbiditelo, schiacciate su di un piano e stendetelo fino ad uno spessore di circa 3/4 mm. Tagliate al diametro del semifreddo preparato e cuocete in forno caldo per 20 minuti circa a 180 °C.


Per la salsa:

In un frullatore unite i frutti di bosco caramellati per 10 minuti precedentemente con lo zucchero e il succo di limone. Mettete in un pentolino a scaldate fino a 80° per altri 5 minuti circa.




Cibi scaduti :fino a quando si possono consumare oltre la data di scadenza

Pubblicato da in cibi scaduti ·
Tags: ciboscadutoformaggiouovalatteconservetempoetichettesalutesapereconsaporesaperesaporefruttaverdurafreschezza
Cibi scaduti :fino a quando si possono consumare oltre la data di scadenza

sapere con sapore


Quanto durano dopo la data di scadenza i cibi confezionati? Si possono consumare anche dopo tale data? Quante volte ce lo siamo chiesto, ma soprattutto in tempo di crisi piange il cuore dover buttare un cibo scaduto. In realtà non sempre è necessario buttarlo immediatamente, ma questo dipende dal tipo di alimento e da come è stato conservato.

Cosa dice la legge

Dal momento in cui la data di scadenza viene superata, il consumo dell’alimento può essere pericoloso per la salute a causa della proliferazione di batteri. La legge pone degli obblighi di scadenza a seconda della tipologia di prodotto alimentare.

Scadenza per prodotti freschi

La data di scadenza riportata sulle confezioni di prodotti alimentari indica la data fino alla quale il prodotto è idoneo a essere consumato rispettando le regole di conservazione suggerite dal produttore. Tutte le confezioni di prodotti alimentari come come per carni e formaggi freschi, latte e prodotti lattieri freschi, pasta fresca ecc., devono per legge riportare la dicitura “da consumarsi entro” seguita dalla data e dalle condizioni di conservazione. La legge inoltre vieta la vendita di prodotti alimentari la cui data di scadenza sia stata oltrepassata.

Scadenza per prodotti non soggetti a rapida deperibilità

In questo caso la dicitura “da consumarsi entro” viene sostituita dalla dicitura “da consumarsi preferibilmente entro” seguita dal cosiddetto TMC, termine minimo di conservazione, cioè il tempo necessario affiché un alimento mantenga, sempre se conservato in maniera corretta, le sue caratteristiche specifiche.

Scadenza per prodotti conservabili dai 3 ai 18 mesi

Per i prodotti che si conservano per 3 mesi è sufficiente indicare il giorno e il mese di scadenza; per i prodotti alimentari conservabili da 3 ai 18 mesi, è sufficiente indicare mese e anno di scadenza; infine, per i prodotti conservabili per un periodo superiore ai 18 mesi, è sufficiente indicare l’anno.

Scadenza per frutta e verdura fresca

Se integre, cioè non sbucciate o tagliate, l'indicazione del termine minimo di conservazione non è obbligatorio così come per vino, aceto, sale e zucchero allo stato solido, pane, focacce, prodotti di pasticceria fresca, bevande alcoliche con percentuale di alcool non superiore al 10%, chewingum ecc.

È scaduto! Lo butto o non lo butto?

Come si diceva non tutti i cibi scaduti vanno buttati immediatamente nella spazzatura, di seguito alcune dritte per sapere come comportarsi. Attenzione però! Queste regole valgono se il prodotto è stato conservato correttamente e comunque è sempre bene annusarlo o fare un piccolo assaggio prima di darlo;per esempio, ad un bambino e comunque è sempre buona norma usare il buon senso.
Yogurt scaduto
Gli yogurt possono essere consumati fino a 6 o 7 giorni dopo la data di scadenza; si tenga però presente che le loro proprietà nutritive risulteranno ridotte; per quanto riguarda invece le proprietà organolettiche, la perdita è praticamente irrilevante.
Latte fresco scaduto
La data di scadenza del latte fresco pastorizzato e del latte fresco pastorizzato di alta qualità sono determinate, per legge, nel sesto giorno successivo a quello del trattamento termico. La data di scadenza del latte microfiltrato fresco pastorizzato è invece stabilita nel decimo giorno successivo a quello del trattamento termico. Oltrepassate queste scadenze è consigliabile astenersi dal consumo di questi prodotti, anche se alcuni affermano che un superamento della data di scadenza di uno o due giorni non dovrebbe creare problemi.
Formaggio scaduto
Formaggi freschi: è meglio attenersi alla data di scadenza indicata sulla confezione.
Formaggi stagionati e a pasta dura: oltrepassata la data di scadenza hanno la tendenza a mettere su un po’ di muffa; è sufficiente però rimuoverla accuratamente per poterli consumare senza alcun problema. Vedi La muffa del formaggio e Come conservare il formaggio.
Conserve scadute
Conserve sottaceto: hanno scadenze variabili da 2 a 3 anni; non vi sono problemi se tali alimenti vengono portati in tavola entro due mesi dalla scadenza.
Conserve pomodoro: hanno scadenze variabili dai 12 ai 20 mesi; il consumo entro due mesi dalla scadenza non crea alcun problema.
Salumi affettati scaduti
I salumi affettati e confezionati vanno consumati entro la data di scadenza indicata sulla confezione. Andare oltre è pericoloso perché si rischiano tossinfezioni.
Succhi di frutta scaduti
Queste bevande hanno scadenza variabile dai 6 ai 12 mesi. Meglio rispettare la data di scadenza per non perderne il gusto.
Olio scaduto
Se è di ottima qualità può essere consumato anche dopo 8 mesi dalla data di scadenza riportata sull'etichetta. Al massimo potrebbe perdere una minima quantità di proprietà organolettiche.
Pesce e surgelati scaduti
Pesce e piatti surgelati: se conservati correttamente il loro consumo può essere effettuato fino a 2 mesi dopo la data di scadenza riportata sulla confezione. Se per esempio si devono consumare gamberetti surgelati crudi è meglio rispettare il termine di scadenza per evitare il rischio di listeriosi. Se invece prevede la cottura, si può andare oltre il tempo minimo di conservazione.
Pesce in scatola: con una corretta conservazione il pesce in scatola può essere consumato tranquillamente entro uno o due mesi dalla data di scadenza.
Pasta e biscotti scaduti
Pasta secca e riso: hanno solitamente una scadenza che varia dai 2 ai 2 anni e mezzo; anche se consumati dopo qualche mese non creano alcun tipo di problema, ma devono essere stati conservati correttamente come riportato dalla confezione.
Biscotti secchi e cracker: come la pasta e il riso anche se può avvenire un peggioramento delle caratteristiche organolettiche e una minima perdita di consistenza.
Uova scadute
Le uova crude o alla coque dovrebbero essere consumate al massimo 3 giorni dopo la data di scadenza; se fritte si possono consumare al massimo entro una settimana dalla data di scadenza. Oltrepassare questi limiti espone a un inutile rischio alimentare.
Panettoni, pandori e colombe scaduti
Questi tradizionali dolci legati alle festività natalizie e pasquali hanno scadenze di circa 4-5 mesi. Possono essere consumati tranquillamente fino a due settimane dopo la loro scadenza, anche se perderanno un po' di fragranza e morbidezza.

Alimenti senza la data di scadenza

Molti alimenti rientrano in questa categoria come per esempio bevande alcoliche, aceto, sale, zucchero ecc.

Intossicazioni da cibi scaduti

Se si ingerisce del cibo scaduto rispetto all’indicazione dell'etichetta, possono manifestarsi alcuni sintomi, da fastidiosi, ma altrettanto innocui e passeggeri, come mal di pancia e malessere, fino a quelli più seri, che compaiono in caso di intossicazioni e tossinfezioni alimentari. Sintomi più gravi come vomito, dissenteria, nausea e febbre possono manifestarsi dopo aver ingerito alimenti scaduti o contaminati da microrganismi pericolosi, come virus, batteri ofunghi.

Accortezze e consigli

Nel caso di confezioni aperte si deve verificare che sull’alimento non siano presenti muffe e che abbia un bel colore, nonchè un buon odore. Nel caso di confezioni sigillate si deve far attenzione a cattivi odori o rigonfiamenti della confezione. Nei mesi più caldi gli alimenti tendono a deperire più velocemente. È quindi utile consumarli senza attendere la data di scadenza. Alimentipedia non si assume alcuna responsabilità per possibili intossicazioni da cibo scaduto in quanto non può garantire la buona conservazione dello stesso.





fonte : www.alimentipedia.it




UMAMI: il gusto nascosto in ognuno di noi

Pubblicato da in umami ·
Tags: umamigustopapilleglutammatoamminoacidiproteineformaggioverdurecarnesaporesapereconsaporesapereconsaporesalutecibo
UMAMI: il gusto nascosto in ognuno di noi

sapere con sapore

  
Quando assaggiamo un qualsiasi alimento le nostre papille gustative sono in grado di percepire il gusto del cibo che abbiamo ingerito attraverso degli specifici recettori posizionati in aree ben contraddistinte all’interno della lingua e che suggeriscono al nostro cervello se si tratta di un alimento dolce, salato, amaro o aspro. Questi sono i quattro gusti fondamentali che l’ essere umano può riconoscere nel momento in cui sta mangiando, tutte le altre sensazioni come piccante, metallico, allappante sono solamente delle combinazioni dei quattro gusti essenziali. Tuttavia grazie a studi scientifici più approfonditi è stato scoperto che la nostra lingua è sensibile anche ad un altro gusto fondamentale : l’Umami; questo termine così particolare è dovuto alla parola giapponese che sta ad indicare “saporito”.

L’Umami, il quinto gusto

Ebbene sì il quinto gusto fondamentale è il gusto di saporito e la sua scoperta è da attribuire al dottor Kikunae Ikeda, docente di chimica all’Università Imperiale di Tokyo, il quale nel 1908 stava compiendo degli studi sul sapore del brodo dashi, elemento fondamentale della cucina giapponese, composto dalle alghe marine konbu. Ikeda riuscì ad isolare il glutammato monosodico, contenuto in grande quantità nelle alghe konbu, e lo indicò come fonte di un sapore che chiamò Umami.

Cosa intendiamo per Umami

La definizione ufficiale dell’Umami è stata stabilita dall’Umami Information Center e recita così : “è un si che viene dal glutammato e da diversi ribonucleotidi, tra cui inosinato e guanilato, che si trovano naturalmente in carne, pesce, verdura e prodotti lattiero-caseari”, difatti il glutammato è un aminoacido che si trova in cibi molto proteici, ad esempio la carne e il formaggio.  Nonostante sia stato scoperto nel 1909, quello del gusto Umami è un concetto abbastanza nuovo per il mondo occidentale, infatti fino agli anni ’80 la nostra cultura alimentare era ancora ferma alla convinzione che i gusti fondamentali fossero solamente quattro.

Gli Studi Scientifici sull’Umami

Pesce umami

Tuttavia numerosi studi scientifici hanno dimostrato che l’ Umami è un sapore completamente indipendente dagli altri ed è un elemento essenziale per il nostro apprezzamento del cibo. Molti studiosi, tra cui anche l’italiano Garattini, hanno accertato che il glutammato monosodico va a stimolare un’area celebrale diversa da quella coinvolta dagli altri quattro gusti fondamentali e che eccita i neurotrasmettitori del gusto. Pertanto nel 1985,  venne organizzato alle Hawaii il primo simposio internazionale sull’Umami dove venne riconosciuto ufficialmente come quinto gusto.

Gli effetti sulla salute

L’ Umami, oltre ad essere un importante punto di riferimento per riconoscere il sapore dei cibi, è anche molto importante per la salute: si rivela utile nelle diete degli anziani e delle  persone in chemioterapia, rinforza le difese immunitarie e consente di diminuire di moltissimo il sale con una conseguente riduzione del 30-40% nell’apporto di sodio al corpo umano. Insomma, l’amminoacido responsabile del gusto Umami è essenziale per il corpo umano, difatti ne sintetizziamo circa 50 gr al giorno. D’ altronde l’insensibilità al gusto Umami, specie nelle persone anziane, comporta perdita di appetito, riduzione della salivazione e diminuzione di peso, con conseguente peggioramento dello stato generale di salute.

L’Umami nelle cucine del Mondo

Il gusto Umami, a dispetto del suo nome orientale è molto presente anche nella cucina italiana che utilizza prodotti con un alto contenuto di glutammato. Vi basti pensare al Parmigiano che contiene circa 9 grammi di glutammato ogni 100 g di formaggio, ecco perché viene tanto apprezzato come condimento sopra ogni tipo di pasta, in pratica ne esalta il sapore. Tra le verdure troviamo i piselli con circa 5 grammi di glutammato ogni 100 grammi, mentre gli spinaci ne possiedono solamente 0,3 grammi, per quanto riguarda la carne in generale la quantità di glutammato si attesta intorno ai 2-3 grammi ogni 100.

sapere con sapore
Parmigiano

La pizza, piatto italiano per eccellenza, è condita con prodotti che contengono molto Umami, ad esempio i pomodori maturi che ne hanno tanto quanto la salsa di soia, la mozzarella oppure le acciughe, tutti alimenti che hanno una forte presenza del gusto Umami e che hanno contribuito in maniera significativa al successo mondiale di questa specialità della nostra cucina.



Nuvole
macchie fegato addominale spuntino fico mattina pesanti fluoruro caffeine irraggiamento polifenoli allergie aspartame nespole mandorla cosmetici correttori pollo bosco corpo combinazioni primavera pancreatite radicchio arance peperoncino mirtillo raffermo influenza limenti cake junk bocca gluten pasti iodio sanguigno infanzia azoto agave Pozzuoli estrogeni aromi pancreas danni tiroide latte microonde betacarotene digerente rimedi gusto congelare anguria Napoli parmiggiano batteri molecole sale botulino more frigorifero olive contraffazione alcol yin conduzione listeria pane riso ipocalorico sali duro banana Vera carotenoide Fonticelli diagnosi mani raggi sangue GIugliano resveratrolo oli sapereconapore casa semola 15 diabete creatinina gelificante insaturi anemia seno succo antiossitanti massa aureus oligoelemento antidepressivo Dott quercetina glucosio mate Francia cure sviluppo estate pressione metionina rossetti integratori cacao donne melone temperatura cisteina addome calore 31 età macrobiotica Dott.Enrico olio antibiotici energia addensanti contaminanti lattosio yogurt centrifugati Additivi pomodori psiche greco palpebre metodi Quarto glutamina Pianura brodo antiossidante Berrino sodio punture peperoni erbe stomaco calda vitaminaA ossido comfort connettivo triptofano umore yo nutriente antinfiammatoria antociani sport pera gonfia tradizioni mare Germania piante erba essenziali inquinamento zirconio uova benessere verza integrale vera intestino stanchezza solfato prurito antitumorale rucola raffreddore termophilus gym glicemia biliari policistico E luteina #nutrizionista polinsaturi perdite cereali tempo Lucifero acidità diarrea stabilizzanti creme artemisia fitoterapia cellula ossidativo quinoa capelli Iodio alta patologie solfiti carie glutammato magnesio semi pasta colorante gas cancerogeni ceci foto benefici digestione malto antibiotico zinco massaggio stagione antitraspiranti malattie idratazione zucca truffe ananas patologia monoammino aceto alimentare forno elasticità aglio padano lecitina reumatoide grana consigli mediterranea Staphylococcus extravergine duodeno amido riposo coloranti diuresi alimentazione nitrati sintomi cheese albume sanguigni addensante albicocche pistacchi lattici energizzante IGF DHA domicilio iatale 1 dott.Enrico food patatine omogenizzati aerobico veg cervello macedonie solari sistema tar colostro conservanti digiuno tossiche verde gravidanza tintura additivi pepe disbiosi in frutti herpes alimentazzione ginnastica caseina prugne chiampagne emulsionanti invecchiamento palma educazione Vomero congestione maggio piatto solare natale omeostasi nocciole idrogenati raffinati integrali lactobacillus sindrome stabilizzante tenero grasso oligoelementi folico calorie frittura secca molluschi balsamo ortaggi cutanee massaggi Na cattive sano PET farina calcoli lattoferrina antocianine estrusione cortisolo curcuma ayurveda radicali manganese deodoranti orale soia frullati Caserta bambini dietetici allattamento cavo proteine apoptosi bivalvi microbi secche micronutrienti pesche agrumi piatti neuroni sedano sensibità toluene ascelle amminoacidi difesa dadi crusca corretta gerani broccoletti quaternium bifidobatteri secchezza Aloe donna fermenti oliva pulizia etichette umami allergeni Thailandia menta glicole degradazione coal freezer bilancia epiderma glucidi glutine licopene acqua 3 sapereconsapore.blogspot.it lipidi infezioni scottature fosforo con odori cipolla glicemico tensioattivi carbidrati astaxantina ustione cosmesi asma di mestruo ulcera internazionale patate vongole Enrico buccia acido funghi timo lamponi circolazione lievito nutrizionale bollitura sogliola adolescenti neurologico cellulite stracchino epigenetica nutrition ultravioletti antispossatezza dolcificanti dentifricio HDL amilopectina D risotto articolazioni cetriolo + vegan integratore pomodoro diet endorfine dolci prodotti endometriosi ombretti enzimi premestruale mais wellness crudo crescita Mercurio caffe cipollina bassa nutrire 6 saturi ciliegie fibre Vitamina lipoproteine primo batterio ipocaloriche A scaduto BHA intolleranze immunitaria mondo primi aloe centrifugato frutta nervoso vasi sostanze fruttosio triclorosan naturale limone esercizio liberi verdure irritabile insonnia insulina Giappone fibra glucagone zuccheri stracci uva igiene biomagnificazione microrganismi.Lugdunin bevande caldarroste idrico cancro fragole menopausa fredda osteoporosi dolore personale naturali antiossidanti sapere indice prostata buoni pelle facciale libido a cicatelli amaranto ernia conserve spezie biberon bevanda carota clorogenico zucchina INCI apparato bambino cuore minerale brucia utero laurilsolfato pangrattato colore obesità visita colesterolo yang Villaricca Giugliano ipertensione uricemia meteorismo abitudini fisico ferro B polmoni shampoo sudorazione carcinoma costipazione lavaggio gruppo tessuti crema ricotta fortificanti anice sciroppo bio melanina zanzare melanoma ostriche carne marroni iperglicemia mangiare tocoferolo cadenti C calcio nutrizione biscotti cucina omega sapereconsapore.blogspot.com surgelare Cina sdorazione ciclo asparagi Calcio cottura lisina forma UVA ricette pancia freschezza formaggio Varcaturo melagrana ormone rame fichi spiaggia alimenti fisica proprietà antitumorali latticini free branzino fame psicologia Qualiano attività osteopatia prevenzione secondi antidolorifico cotto disidratazione probiotici dolori celiachia stress feci respiro gel cibo complessi dimagrire salsa metalli tumori urico peso salmonella fumo intero vegetali minerali microsfere vitamina emulsionante gonfiore avocado gestazione vitamine grassi nutrienti modificato cibi formaldeide ossidasi papille A. legumi artrite galateo pesce colazione visite usanze allium ossidazione grano sterilizzare carote organi anticorpi iperacidità propilenico nutrizionista India sapone gram hdl zafferano clorofilla merendine furano idrochinone acidi linfodrenaggio sapereconsaporee studio torcicollo sovrappeso cannella adinopectina caglio equilibrio essenziale Licola alimento fagiolini #nutrizione dormire microminerali insalata nitriti alimentari noci depressione sole palato streptococcus carotenoidi negozio sapereconsapore tummori vegetariano tuorlo saraceno spigola controlli reumatismo tossine idrosolubile progesterone Fuorigrotta salute campylobacter carboidrati insalate frutto dieta flavonoidi avena E141 cioccolato oxybenzone liposolubile crostata reflusso afrodisiaco castagne zucchero serotonina flatulenza inci biologo metabolismo autunno crostacei fitosteroli alluminio gassate antinfiammatorio selenio tumore sapereconspore torte convezionne stitichezza ribes immunitario fisia kiwi ossa brufoli aborto LDL microbioma ovaio Posillipo Monterusciello capsicum stagionatura burro parabeni aminoacidi miele paziente concentrazione allergia frigo c feste UVB propoli potassio birra catechine Sant'Antimo dietanolammina vasetti bulgaricus sapore colite protezione verdura inositolo caldo amilosio cistite conservazione immunità istamina fresca
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu