lipidi - Blog - Dott.Enrico Fonticelli Biologo Nutrizionista cell. 3887304549 visite e piani alimentari personalizzati anche a domicilio!

Vai ai contenuti

Menu principale:

La frutta secca: guida a una scelta di qualità

Pubblicato da in frutta secca ·
Tags: fruttaseccaglucidilipiditocoferolosapereconsaporeEnricoFonticellicibonutrientialimentibenessere
La frutta secca: guida a una scelta di qualità

sapereconsapore

La frutta secca si può suddividere in due categorie: quella glucidica (ricca di zuccheri e povera di grassi), e quella lipidica (ricca di grassi e, viceversa, povera di zuccheri).
Quasi tutta la frutta che consumiamo abitualmente fresca si può essicare: da essa si ottiene la frutta secca glucidica (mele, uva, banane sono i tipi di frutta secca glicidica più diffusi).
In questo articolo prenderemo in considerazione le caratteristiche della frutta secca lipidica, che in realtà comprende sia frutti veri e propri ma anche i semi di alcune piante e i legumi, nel caso delle arachidi.
La frutta secca lipidica è diffusa in tutto il mondo. In Italia non è facile trovare tutte le varietà: noci, nocciole, pinoli e arachidi, noci brasiliane sono facilmente reperibili mentre macadamia, anacardi, pecan si trovano solo nei grandi supermercati e nei negozi specializzati.

Sicurezza

I prodotti confezionati garantiscono la totale sicurezza del prodotto dal punto di vista delle contaminazioni di microorganismi patogeni.
Grazie allo scarso contenuto di acqua e alle proporzioni tra i macronutrienti questi alimenti difficilmente vengono aggrediti da microorganismi patogeni, una buona conservazione del prodotto in luogo fresco e asciutto è sufficiente per garantirne la sicurezza una volta aperta la confezione.
La frutta secca in guscio può essere aggredita da larve di insetti, il fenomeno è invisibile dall'esterno ma lo è chiaramente una volta sgusciato il prodotto: dunque basta scartarlo.

Qualità nutrizionali

La frutta secca lipidica, nut per gli anglosassoni (traducibile con il termine generico di noccioline), è ricchissima di grassi, poiché ne contiene una quantità dal 50% al 65%, e quindi di calorie (più di 500 kcal per 100 grammi).
Il potere nutritivo così elevato le rende un alimento con indice di sazietà piuttosto basso, sebbene più elevato rispetto ad altre fonti di grassi come gli oli, la maionese e il burro.
Occorre quindi valutare sempre con attenzione le quantità assunte, per non compromettere il bilancio calorico giornaliero.
Tuttavia può essere importante assumere una certa quantità di frutta secca lipidica ogni giorno (soprattutto le noci), in quanto i grassi in essa contenuti sono in prevalenza mono e polinsaturi (nel caso dei semi fungono da "antigelo" per conservarli intatti anche in inverno), e quindi benefici per la salute delle arterie.
Le noci, per esempio, sono una delle rare fonti di acido alfa linolenico, un acido grasso essenziale (appartenente alla famiglia degli omega 3) che dobbiamo necessariamente assumere con l'alimentazione.
Alcuni tipi di frutta secca lipidica sono buone fonti di vitamina E, che funge da protettrice contro l'irrancidimento dei grassi insaturi presenti all'interno di questi alimenti.
La frutta secca lipidica non è una buona fonte di proteine, né di minerali o di altre vitamine (esclusa la vitamina E).
Infatti, anche se 100 grammi di frutta secca contengono quantità discrete di proteine e di alcuni minerali e vitamine, bisogna considerare che una porzione ragionevole non supera i 20 grammi al giorno (100 grammi di frutta secca apportano in media 600 kcal!), il che ridimensiona di molto le quantità di proteine, vitamine e minerali assumibili, di fatto, da questi alimenti.
Per esempio, 20 grammi di arachidi (120 kcal) forniscono solo 3 grammi di proteine, per di più di basso valore biologico. Una buona fonte proteica come la carne magra, con le stesse calorie fornisce una quantità di proteine superiore di sei volte.

Qualità organolettiche
La freschezza è di certo il requisito fondamentale conservare le caratteristiche organolettiche del prodotto.
I grassi polinsaturi presenti nella frutta secca lipidica vanno facilmente incontro ad irrancidimento provocando lo scadimento del sapore, inoltre un prodotto mal conservato o troppo vecchio perde la croccantezza dovuta alla tostatura.

Come scegliere

La frutta secca lipidica andrebbe acquistata in confezioni sottovuoto o comunque sigillate in modo opportuno, soprattutto se sgusciata. Il guscio, infatti, è la migliore confezione disponibile: è stato progettato dalla natura per conservare il frutto al suo interno per molto tempo.
Se la acquistate sfusa, in guscio o senza, bisogna accertarsi che il negozio abbia un grande ricambio del prodotto.
La frutta secca in guscio deve essere pesante, e il frutto deve essere aderente al guscio stesso.



Grassi? Non tutti sono nocivi,ecco il perchè...

Pubblicato da in grassi ·
Tags: grassilipidiEnricoFonticellinutrizionesapereconsaporebenessereciboomega3omega6food
Grassi? Non tutti sono nocivi,ecco il perchè...

sapereconsapore

Lo sapevate che alcuni grassi sono fondamentali per la nostra salute? Ecco dove potete trovare i cosidetti "grassi buoni".
Alcuni grassi sono fondamentali per la salute e addirittura aiutano a ridurre l’infiammazione e a perdere peso: sono un po’ come l’olio per un motore, rendono fluido ed efficiente l’organismo. Per fare un po’ di chiarezza conosciamo meglio i cosiddetti "grassi buoni".

Acidi grassi polinsaturi omega-3

Questi acidi grassi sono potenti antinfiammatori e sono considerati i più importanti tra i grassi buoni. La nostra alimentazione ne è diventata povera perché sono grassi che si trovano soprattutto nei cibi naturali, ad esempio in molti pesci (salmone, sgombro, sardine), nei semi di lino, nelle noci e in altri semi.

Grassi monoinsaturi

Questi grassi si trovano soprattutto nell’olio d’oliva ma anche nelle mandorle, nelle noci brasiliane, negli anacardi, nell’avocado e in alcuni semi. Anche questa categoria di grassi ha effetti metabolici salutari, come l’abbassamento del colesterolo e della glicemia.

Alcuni grassi saturi

La maggior parte dei grassi saturi contenuti in formaggi e carni non è salutare. Tuttavia, una minima quantità di grassi saturi, provenienti ad esempio da cibi come il cocco, possono essere utili. Queste fonti sono infatti ricche di acido laurico che, assieme agli Omega-3, è un importante componente del sistema nervoso centrale.

Alcuni acidi grassi polinsaturi Omega 6

In dosi ridotte, alcuni acidi grassi polinsaturi Omega 6 sono utili, perchè in grado di produrre anch’essi delle sostanze antinfiammatorie (prostagladine). Tuttavia occorre prestare attenzione a non assumere questi grassi da fonti raffinate, come gli oli vegetali commerciali. Fonti adeguate, se assunte a piccole dosi, sono l’olio di sesamo, l’olio di girasole, l’olio di noce e di cartamo, ovviamente pressati a freddo.
Ricordatevi però di stare alla larga dai grassi idrogenati, dagli acidi grassi polinsaturi raffinati e non pressati a freddo degli oli vegetali e dagli acidi grassi saturi presenti nel manzo, nell’agnello, nei formaggi, nel latte e derivati.



Dieta e colesterolo

Pubblicato da in colesterolo ·
Tags: colesteroloHDLLDLproteinegrassilipidisanguedietabenesserealimentazionenutrizioneEnricoFonticellisapereconsaporesalutecibofood
Dieta e colesterolo

sapereconsapore

Proprio in virtù del ruolo svolto nel metabolismo di un individuo, il colesterolo è un grasso importante per l’organismo e sarebbe impossibile farne a meno. Per distribuirsi ai vari tessuti il colesterolo circola nel sangue legato a diverse proteine con densità differente, quello legato alle HDL viene chiamato “colesterolo buono”, mentre quello legato alle LDL è conosciuto come “colesterolo cattivo”.
Il colesterolo cattivo presente in eccesso tende a depositarsi sulle pareti interne delle arterie formando a lungo andare delle placche che ostacolano in maniera più o meno importante il flusso sanguigno. L’effetto negativo del colesterolo LDL è controbilanciato da quello buono o HDL, vero e proprio spazzino che ripulisce le arterie impedendo che si formino depositi.
La dieta, e più in generale lo stile di vita, sono in grado di incidere positivamente o negativamente sui livelli di colesterolo nel sangue.

Per questo è importante:

  • limitare il consumo di grassi in generale
  • Per la scelta della carne è preferibile tagli magri sia di carne bianca sia di quella rossa evitando per il pollame di mangiare la pelle
  • Consentito il pesce 2-3 volte a settimana (molluschi e crostacei non piu’ di una volta a settimana). Diventa importante il metodo di cottura: preferibile la cottura alla griglia, al cartoccio e al vapore, sconsigliata la frittura
  • sostituire i grassi saturi (burro, formaggi, carne grassa, insaccati) con quelli polinsaturi (olio di semi) e monoinsaturi (olio di oliva)
  • aumentare il consumo di frutta, verdura e legumi
  • limitare il consumo di dolci
  • limitare il consumo di alcool
  • svolgere regolare attività fisica (possibilmente aerobica)
  • abolire il fumo
  • tenere sotto controllo la pressione arteriosa e dimagrire se si è in sovrappeso.



Pesce e benessere

Pubblicato da in pesce ·
Tags: pescebenessereomega3nutrizionealimentazionegrassibuoniinsaturipolinsaturilipidicolesterolocrostaceimolluschiaminoacidiessenziali
Pesce e benessere

sapereconsapore

Il pesce è un alimento essenziale per il nostro benessere, ha infatti un alto valore nutritivo, ha un ridotto contenuto di colesterolo (ad eccezione dei crostacei) ed è ricco di acidi grassi insaturi e polinsaturi, i cosiddetti “grassi buoni,” utili nella prevenzione delle malattie cardiovascolari.

La concentrazione di lipidi (grassi) nel pesce è molto variabile (dallo 0,1 al 30%) per tale ragione i pesci vengono classificati in magri, semigrassi e grassi (il merluzzo è ad esempio un pesce magro, così come le vongole, il pesce spada o la sogliola, mentre sardina e tonno sono semigrassi, anguilla, sgombro e aringa sono invece pesci grassi).
Crostacei e molluschi, pur contenendo discrete quantità di colesterolo, sono praticamente privi di grassi saturi e sono ricchi di grassi insaturi. In ogni caso il loro contenuto lipidico è modesto (1-3%).
Le proteine del pesce sono ad alto valore biologico. Una proteina è ad alto valore biologico quando è costituita da Aminoacidi Essenziali. Gli amminoacidi essenziali non possono essere prodotti dall’organismo, devono quindi essere assunti con una dieta specifica o attraverso integratori.

A cosa servono gli acidi grassi insaturi Omega 3?
Il pesce è ricco di Omega 3. Gli acidi grassi Omega-3 abbassano i livelli plasmatici di trigliceridi, riducendo il rischio di patologie cardiovascolari. Tutto ciò spiega l’importanza di un regolare consumo di alimenti ricchi di omega-3 (pesci e semi di lino), in modo da tenere sotto controllo i livelli ematici di Iperlipidemia e, insieme ad essi, il rischio di malattie cardiovascolari.
È bene sapere inoltre che gli acidi grassi polinsaturi si deteriorano alle alte temperature, è quindi opportuno fare attenzione al metodo di cottura che utilizziamo. Un metodo corretto dal punto di vista nutrizionale è il “cartoccio”, che prevede l’utilizzo di un foglio d’alluminio per avvolgere il pesce durante la cottura in forno. Con questo sistema di preparazione vengono fra l’altro ben conservati sapore e aroma del pesce.
La frittura è invece sconsigliata poiché i famosi grassi omega-3, se sottoposti ad alte temperature, diventano instabili producendo residui nocivi per il nostro organismo (in questo caso si raccomanda l’uso di olio specifico per la frittura, più adatti per le alte temperature).

PESCE, COME SCEGLIERLO
Ricordando che il pesce surgelato non ha nulla da invidiare a quello fresco, esaminiamo alcune caratteristiche da tenere in considerazione quando lo si acquista:

CARATTERISTICA   PESCE FRESCHISSIMO     PESCE FRESCO     PESCE ALTERATO
ODORE                        salso o di alga                   fresco                 ammoniaca
RIGIDITÀ CADAVERICA    presente                     assente                  assente
ASPETTO              superficie lucida e brillante    superficie viva     smorto e cinereo
CONSISTENZA           sodo e carnoso             elastico e morbido    molle e flaccido
OCCHIO                     vivo e sporgente                vitreo           piatto e appannato
COLORE BRANCHIE rosso bordeaux e  rosso   pallido e porpora  carnicino-marrone
                           lucide



Obesità infantile : basta !

Pubblicato da in obesità infantile ·
Tags: obesitàalimentisapereconsaporelipidigrassisovrappesobambinidiagnosi
Obesità infantile : basta !


Molto il lavoro da fare, ma ne vale la pena

​​Spesso i genitori sono i primi a non rendersi conto che il loro bambino è sovrappeso.

E l’epidemia dilaga: oramai nel mondo secondo le stime dell’International Obesity TaskForce, i bambini in età scolare obesi o in sovrappeso sono 155 milioni, cioè uno su dieci, ma allo stesso tempo 148 milioni di bimbi sotto i 5 anni sono sottopeso e si trovano prevalentemente nei Paesi in via di sviluppo.

In Italia, un bambino su 3 è obeso. Con quali conseguenze? Questo studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ce lo spiega: più grave è l’obesità nel bambino, più alto il suo rischio cardiovascolare da grande.

I ricercatori hanno analizzato i dati di 8579 bambini e giovani di età compresa tra i 3 ei 19 anni. Li hanno divisi in classi di obesità secondo i percentili di indice di massa corporea (BMI) definiti come sovrappeso (≥85th a <95° percentile); obesità classe I (≥95th percentile a <120% del 95° percentile); obesità Classe II (≥120% a <140% del 95 °percentile o BMI ≥35 kg  / m2); e obesità classe III (≥140% del 95 ° percentile o BMI≥40 kg / m2).

Quasi il 5% dei bambini rientrava nella obesità di Classe III.

Nella popolazione, il 46,9% dei ragazzi sono in sovrappeso mentre il 36,4% ha avuto obesità di classe I,  l’11,9% obesità di classe II e il 4,8% obesità di classe III.

All'analisi multivariata (controllando per età, etnia o razza, sesso) i bambini con obesità di classe III avevano un rischio aumentato per bassi livelli di HDL, colesterolo alto, ipertensione, alti livelli di trigliceridi, e livelli elevati di HbA1c.

Da segnalare  però che l’obesità grave in questo studio è stata associata ad una maggiore prevalenza di anomalie della pressione arteriosa sistolica, trigliceridi e livelli di HbA1c nei maschi rispetto alle femmine.

Come questi dati si traducono nella clinica pratica? Il messaggio è chiaro: l’obesità va diagnosticata e stratificata. Anche solo il passaggio da obesità di classe III a obesità di classe I può cambiare molto il futuro cardiometabolico dei ragazzi, anche se non si riesce a raggiungere il peso forma, la perdita ponderale sarà comunque premiante.


Autori: Skinner A, Perrin E, Moss LA, Skelton JA.
Fonte: N Engl J Med. 2015; 373: 1307-1317



Il metabolismo e il perdere peso: realtà e miti

Pubblicato da in metabolismo ·
Tags: metabolismopesocalorieeserciziofisicoaerobicocatechineproteinecarboidratilipidi
Il metabolismo e il perdere peso: realtà e miti



Parliamo di metabolismo e sfatiamo alcune leggende…

Il corpo brucia più calorie per digerire delle bevande fredde col ghiaccio che per digerire gli alimenti

Vero
Ma prima di farsi venire un mal di testa col ghiaccio, c’è di più. “La piccola differenza di calorie probabilmente non intaccherà in maniera significativa la vostra dieta”, spiega Madelyn Fernstrom, Ph.D., CNS, fondatore e direttore del UPMC Weight Management Center di Pittsburgh. L’aspetto positivo è che diversi studi hanno suggerito che 5 o 6 bicchieri di acqua fredda potrebbero aiutare a bruciare circa 10 calorie in più al giorno, che equivale a circa 1 chilo di perdita di peso ogni anno senza alcuno sforzo.
Bere la giusta quantità di acqua può aiutarvi a bruciare più calorie

Vero
Tutte le reazioni chimiche del vostro corpo dipendono dall’acqua. Se il corpo è disidratato si possono bruciare fino al 2% in meno di calorie, secondo i ricercatori della University of Utah, che ha monitorato i tassi metabolici di 10 adulti mentre bevevano quantitativi variabili di acqua al giorno. Questo studio ha evidenziato che chi beveva da 8 a 12 bicchieri di acqua al giorno presentavano un più alto tasso metabolico rispetto a quelli che ne bevevano 4.
La dieta rallenta il tasso metabolico a riposo, rendendo più difficile mantenere il peso stabile.

Vero
Per ogni mezzo chilo che si perde il vostro metabolismo a riposo scende da 2 a 10 calorie circa al giorno. Perdendo 5 Kg è necessario mangiare da 20 a 100 calorie  in meno al giorno per mantenere il vostro fisico in forma, senza svolgere attività fisica. E’ tuttavia possibile evitare che il vostro metabolismo rallenti durante il periodo di dieta, un modo possibile è quello di perdere grassi, mantenendo la massa muscolare: è possibile ottenere questo risultato riducendo le calorie e aumentando gli esercizi aerobici e di resistenza. Le diete intensive (meno di 1.000 calorie al giorno) possono portare ad una maggiore percentuale di perdita di massa muscolare.
I cibi piccanti accelerano il metabolismo

Vero
La capsaicina, il composto bioattivo che fa sì che i peperoncini siano piccanti, può accelerare il metabolismo e nello stesso tempo migliora la sazietà diminuendo il senso di fame. Gli studi mostrano che consumare circa 1 cucchiaio di peperoncino trito di colore rosso o verde, che equivale a 30 milligrammi di capsaicina, provoca una temporanea crescita del 23% del metabolismo. In un altro studio sono stati dati 0,9 grammi di pepe rosso in forma di capsule o disciolti nel succo di pomodoro prima di ogni pasto. I ricercatori hanno rilevato che gli individui hanno ridotto il loro apporto calorico totale del 10 o del 16% per cento, rispettivamente, per 2 giorni dopo e hanno dichiarato di sentirsi ancora sazi.
Assumere più proteine accelera il metabolismo

Vero
Le proteine forniscono un vantaggio metabolico rispetto ai grassi o ai carboidrati, perché il corpo consuma più energia per elaborarle. Ciò è noto come effetto termico degli alimenti. Gli studi dimostrano che si può bruciare fino al doppio delle calorie nella digestione delle proteine rispetto ai carboidrati. In una tipica dieta il 14 per cento circa delle calorie proviene dalle proteine, raddoppiando la dose (riducendo contemporaneamente i carboidrati per compensare le calorie extra) è possibile bruciare ulteriori 150-200 calorie al giorno, spiega Donald Layman, Ph.D., professore di nutrizione presso l’Università dell’Illinois.
Mangiare un pompelmo prima di ogni pasto aumenta la velocità del metabolismo

Falso
Il pompelmo non fa miracoli per il metabolismo, ma può aiutare a perdere peso. Mezzo pompelmo prima dei pasti aiuta gli individui a perdere circa 4 chili in 12 settimane, secondo uno studio pubblicato nelJournal of Medicinal Food. Il motivo: le sue fibre e l’acqua ti fanno sentire pieno, così mangerete di meno al pasto successivo.
Il sollevamento pesi aumenta il metabolismo più di un allenamento aerobico

Vero
Quando ti alleni abbastanza da aggiungere 3 kg di muscoli, aumenti la capacità di bruciare calorie dal 6 all’ 8 per cento, il che significa che si bruciano circa 100 calorie in più ogni giorno. L’esercizio aerobico, d’altro canto, non aumenta in modo significativo la massa muscolare del corpo. “Il modo migliore per aumentare la massa muscolare è quello di fare un allenamento di resistenza”, osserva Ryan D. Andrews, RD, specialista negli esercizi di forza in Colorado.
Il sedano è un “alimento negativamente-calorico” perché per digerirlo occorrono più calorie di quanto esso contenga

Falso
L’effetto termico del cibo porta il corpo a bruciare calorie come avviene per pasti, spuntini e bevande. Ma questo processo richiede dallo 0 al 30 per cento delle calorie assunte (le proteine, per esempio, comportano più calorie da digerire rispetto al grasso o ai carboidrati). Un gambo di sedano di medie dimensioni conta solo circa 6 calorie, il suo effetto termico è circa la metà di una caloria. In realtà, “gli alimenti negativamente-calorici” non sono nient’altro che un desiderio.
Il tè aumenta la naturale capacità di bruciare calorie

Vero
Le catechine trovate nel tè verde e nel tè oolong possono aumentare la capacità del corpo di bruciare i grassi. E’ stato effettuato uno studio sulle donne giapponesi per confrontare gli effetti del consumo di tè verde e tè oolong, in vari giorni. Solo una grande tazza di tè oolong ha aumentato la capacità di bruciare calorie fino al 10 per cento, un incremento che ha raggiunto il suo picco un’ora e mezza più tardi. Il tè verde ha accelerato il metabolismo del 4 per cento per un’ora e mezza. Altri studi dimostrano che bere da due a quattro tazze di tè verde o tè oolong al giorno (per un totale di circa 375-675 mg di catechina) si può tradurre in un extra di 50 calorie bruciate ogni giorno un totale di circa 2.5 Kg in un anno.

Le voglie alimentari durante il periodo mestruale sono legate alla maggiore velocità metabolica prima di questo periodo

Vero
Se c’è un aspetto positivo del periodo mestruale, è che il tasso metabolico a riposo può aumentare durante quella parte del ciclo mestruale nota come fase luteale (dal giorno dopo l’ovulazione al primo giorno delle mestruazioni). Questa spinta metabolica che possiamo considerare ormonale può bruciare sino a 300 calorie al giorno, motivo per cui il nostro appetito aumenta durante questa fase.
Se avete poco tempo, svolgete una più intensa attività fisica in modo da accelerare il metabolismo

Vero
Le persone che esercitano attività fisica ad un’intensità molto elevata possono constatare dopo l’esercizio fisico un aumentato tasso metabolico a riposo che è maggiore e più duraturo rispetto a quello ottenuto da chi svolge una moderata attività fisica. Aumentate l’intensità del vostro allenamento e potrete aspettarvi di bruciare almeno il 10 per cento delle calorie totali utilizzate durante l’allenamento in un’ora o poco dopo l’esercizio. Quindi, se camminate e fate jogging per 6.5 Km (circa 400 calorie), invece di camminare soltanto è possibile bruciare un extra di 40 calorie nelle ore successive.



Nuvole
mirtillo triclorosan additivi feci insonnia urico branzino idrosolubile dolori cheese a ernia Giappone carbidrati sviluppo colazione food emulsionanti solfiti capelli stanchezza cadenti avocado sapereconsapore.blogspot.com centrifugati ossa pesche uricemia propilenico biscotti burro semola immunità sensibità connettivo vongole melanoma diarrea tumori microbioma carboidrati castagne Licola irritabile tocoferolo ossido tossiche mangiare lattoferrina caldo acido pelle salute microbi secche cellula zucchero fisica fruttosio gonfiore congelare fisico glicemia cistite UVA facciale spezie birra ginnastica ultravioletti stracci lipidi mattina colesterolo ipocaloriche disbiosi LDL Dott ortaggi aspartame 31 antiossidanti duro prurito idratazione addensanti pera fermenti oligoelemento epiderma solfato triptofano abitudini palpebre antinfiammatorio licopene calore DHA alimento secondi organi polinsaturi E141 massa prostata infezioni microsfere adolescenti azoto vera fico sistema vegetali piatti IGF alimenti Fonticelli estrusione oligoelementi tempo disidratazione Caserta fitoterapia visita cucina raffreddore junk bevande aromi curcuma salmonella igiene acqua antitraspiranti lievito legumi conduzione personale stomaco glutamina zafferano dolci spiaggia psicologia ceci peperoncino frutta erbe coloranti sogliola cetriolo gram more antinfiammatoria zinco 6 bilancia aminoacidi rimedi carota vasetti asma riposo neurologico ciclo uva pasta irraggiamento banana carotenoide dimagrire comfort BHA aceto artemisia essenziali herpes betacarotene sodio alimentazione sdorazione bassa frullati con nocciole serotonina gel verza forno creatinina A. malto gluten ossidazione veg c cisteina proprietà albume gonfia verdura vegetariano correttori gusto ulcera limenti prugne pollo digestione frutti Additivi psiche allium crescita omeostasi zirconio nutrienti probiotici lipoproteine osteoporosi caglio forma ostriche difesa feste umore inquinamento liposolubile bambini biliari amido frigorifero fosforo risotto antibiotici in calcoli tensioattivi Enrico bambino benessere sapereconsapore.blogspot.it sapore vitamina lavaggio ricotta fagiolini cortisolo frittura aglio potassio estrogeni aureus cipolla quaternium Staphylococcus amminoacidi sali paziente sangue ipocalorico solare costipazione tumore vasi molluschi meteorismo polifenoli dentifricio cavo estate iperglicemia gruppo sudorazione metabolismo olive amilopectina carie antidepressivo controlli circolazione laurilsolfato rame glutammato naturale stabilizzanti gravidanza toluene nutrizionale B grana scaduto sterilizzare concentrazione cioccolato Calcio crusca cosmetici adinopectina insulina fragole pomodori respiro bivalvi zuccheri clorogenico antidolorifico asparagi lecitina pressione naturali brucia peso glucagone Berrino integrale crudo HDL inositolo saturi bevanda tossine convezionne raffinati nutrizione fibra patologie allergeni alcol crostata solari rucola premestruale buccia clorofilla salsa Quarto menopausa calorie caffe pomodoro dietetici micronutrienti gelificante biologo formaldeide natale anice balsamo nutrire carcinoma stracchino orale cacao gassate batterio carote menta obesità di fresca minerale flavonoidi melone listeria bollitura idrico padano usanze Villaricca Monterusciello Fuorigrotta mestruo digerente stabilizzante fumo degradazione galateo fluoruro sanguigni apoptosi aloe gas tintura colite inci radicali anticorpi pistacchi reumatismo yin addome Posillipo kiwi 3 Iodio massaggi Cina Thailandia 1 frigo caseina PET sedano riso mondo zucca tessuti caldarroste macrobiotica farina alta diabete metalli molecole allergie C secca cosmesi cipollina caffeine palma batteri peperoni microonde emulsionante protezione pasti Pozzuoli fegato Francia ipertensione rossetti freschezza carotenoidi enzimi sapereconapore creme ricette yogurt sapere dietanolammina colore gerani UVB melanina policistico fisia mani consigli spigola antiossitanti conservanti colostro Mercurio allattamento apparato crema succo prevenzione merendine contaminanti microrganismi.Lugdunin verdure scottature visite sano idrogenati sciroppo mais crostacei D esercizio 15 celiachia chiampagne freezer articolazioni formaggio cellulite patatine depressione domicilio metionina sale resveratrolo stitichezza insalata nitrati immunitaria ciliegie elasticità fichi catechine GIugliano oliva insalate liberi ombretti fibre antispossatezza selenio autunno grano complessi perdite ribes tummori odori capsicum iodio raggi tradizioni mate latte mandorla magnesio cervello proteine lisina indice parabeni biomagnificazione yang ferro stagionatura pesce alimentare seno vegan ovaio alimentari anguria avena botulino idrochinone melagrana cannella vitamine modificato calcio etichette frutto donna pancreas tenero sapereconsaporee educazione sport soia endometriosi progesterone reflusso Giugliano glutine furano sanguigno cibo immunitario energia + brufoli papille maggio timo sostanze antibiotico piante combinazioni fredda epigenetica iperacidità manganese nutrition malattie congestione coal oxybenzone integratore free duodeno miele ascelle Vomero shampoo bosco pangrattato torcicollo nutrizionista verde essenziale primavera pancia afrodisiaco Aloe istamina osteopatia diagnosi cotto limone cicatelli semi bocca conserve lamponi antitumorali sindrome addensante massaggio cattive ustione carne allergia tuorlo A alluminio Sant'Antimo torte tar E pancreatite addominale funghi fame sapone uova sintomi Napoli gestazione pulizia Pianura marroni patate raffermo quinoa primi INCI ormone fitosteroli wellness acidi cure oli omogenizzati cuore amaranto cake alimentazzione grassi umami intestino dormire benefici palato Varcaturo iatale nervoso mediterranea ayurveda brodo antiossidante cibi nespole buoni influenza campylobacter ossidasi corpo internazionale studio ossidativo hdl glucosio glicole bio linfodrenaggio folico utero cereali antocianine zanzare bifidobatteri zucchina saraceno piatto colorante pane yo agave dolore glicemico aborto noci lattici sovrappeso minerali energizzante Germania flatulenza Vera età macedonie fortificanti pepe casa polmoni Na amilosio stagione primo biberon intolleranze contraffazione grasso equilibrio antociani Lucifero calda neuroni danni India integratori cancerogeni conservazione diuresi attività broccoletti dieta Qualiano nitriti digiuno nutriente sapereconspore albicocche dadi truffe deodoranti patologia libido luteina punture diet astaxantina prodotti extravergine sole insaturi surgelare pesanti stress glucidi propoli cancro cottura quercetina radicchio omega ananas temperatura corretta microminerali latticini erba donne parmiggiano antitumorale monoammino infanzia aerobico mare sapereconsapore endorfine dolcificanti olio tiroide invecchiamento
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu