obesità ed eccessi ponderali - Dott.Enrico Fonticelli Biologo Nutrizionista cell. 3887304549 visite e piani alimentari personalizzati anche a domicilio!

Vai ai contenuti

Menu principale:

Attività

Obesità ed eccessi ponderali

L'obesità è una malattia complessa dovuta a fattori genetici, ambientali ed individuali con conseguente alterazione del bilancio energetico ed accumulo eccessivo di tessuto adiposo (grasso) nell'organismo.
In molti paesi industrializzati colpisce fino ad un terzo della popolazione adulta, con un'incidenza in aumento in età pediatrica: rappresenta quindi, senza dubbio, l'epidemia di più vaste proporzioni del terzo millennio e, al contempo, la più comune patologia cronica del mondo occidentale.
L'obesità rappresenta un serio fattore di rischio per mortalità e morbilità, sia direttamente (complicanze cardiovascolari e respiratorie) sia per le patologie ad essa frequentemente associate quali diabete mellito, ipertensione arteriosa, dislipidemia, calcolosi della colecisti, osteoartrosi (dovuta all'eccessivo carico/peso sulle articolazioni in particolare a livello di anca e ginocchio).
Tali conseguenze sono di gran lunga più frequenti nell'obesità centrale (o viscerale o androide) detta anche a "pera", caratterizzata dal deposito di grasso a livello soprattutto addominale e riconoscibile per un rapporto vita-fianchi (dato dal rapporto fra la circonferenza minima della vita con quella massima dei fianchi) superiore a 0.85 nella donna e a 0.95 nell'uomo, rispetto a quanto avviene in quella cosiddetta periferica (o sottocutaneo o ginoide) detta anche a " mela" che si differenzia dalla precedente per un rapporto inferiore a 0.85 nella donna e a 0.95 nell'uomo.

In rapporto a vari fattori individuali, la terapia dell'obesità è basata su una serie anche integrata di approcci:

  • Diete ipocaloriche: convenzionale, ipolipidica, semidigiuno
  • Interventi psico-comportamentali
  • Terapia farmacologica
  • Terapia chirurgica

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu